Teléfono:
Teléfono:
Chiamate Internazionali:
Contattaci
Offerta speciale - Prodotti Miglior prezzo
Offerta speciale - Prodotti
Miglior prezzo

Offerta Cialis Originale
Acquistare ora
Importo totale $ 0.00
Il tuo ordine 0 items
Importo totale
$ 0.00
Il tuo ordine
0 items

Effettuare l'ordine

L'impotenza: la grande paura degli uomini

Quali sono le cause più comuni dell'impotenza? 

La disfunzione erettile, meglio conosciuta come “impotenza”, è un grave disturbo che colpisce gli uomini di qualsiasi età, tuttavia la grande maggioranza supera i 45 anni e ciò non deve essere preso con leggerezza; 

In genere, la maggior parte dei problemi viene identificata anche con i termini di cause psicogene e cause endocrine, che verranno spiegati più avanti; 

Questo problema, tuttavia, non colpisce qualsiasi uomo che ha superato la mezza età. Bisogna specificare, infatti, la grande quantità di malattie che possono portare questa conseguenza non dipendono dagli anni; 

Bisogna anche avere cura del proprio stato emotivo e psicologico, poiché anche l'ansia e la depressione rientrano nelle cause più comuni di disfunzione erettile; 

Ciò non vuol dire che la soluzione siano gli psicofarmaci, poiché è risaputo (in genere è una regola che vale per qualsiasi medicinale), più aumenta la dose di queste cure, maggiore è la possibilità di perdere una corretta funzione del membro. E ciò non dipende dall'età; 

Bisogna tenere a mente che esistono anche cause non derivanti da malattie o farmaci, ma anche da cattive abitudini come l'alcolismo o la dipendenza dal fumo. 

La disfunzione erettile, dunque, non è solo una delle più grandi paure di ogni uomo che tiene a cuore la propria vita sessuale, o anche solo la propria virilità. Si tratta di qualcosa difficile da affrontare e che bisogna prendere con assoluta serietà, senza peggiorare mentalmente la situazione. 

Vecchiaia e impotenza: né una risposta né un caso 

L'idea che ci sia un rapporto tra l'età e i rischi di diventare impotenti è una questione di numero, che non va sottovalutata, poiché si sostiene che 3 uomini su 8, in Italia, rischiano di superare la mezza età (45 anni circa) con problemi di erezione. Ciò che porta a questo disturbo sono, di sicuro, le grandi tipologie di malattie che lo precedono. Ecco una lista delle cause più probabili: 

  • Psicogene: meglio conosciute come ansia e depressione, difficili da combattere se in stadio molto avanzato, poiché in quest'ultimo caso potrebbero portare all'uso di farmaci molto forti. 
  • Endocrine: il nome si riferisce a tutte quelle malattie che riguardano l'alterazione del livello di ormoni presente nel corpo, soprattutto basso. Una scarsa presenza di ormoni porta ad un basso desiderio sessuale, quest'ultimo può portare poi alla disfunzione erettile. 
  • Neurogene: malattie e cause che arrivano a colpire il sistema nervoso, quindi del tutto diverso da ansia e depressione, poiché queste malattie danneggiano neuroni e tessuti del cervello, fino anche a bruciarli. L'Alzheimer è un esempio. 
  • Vascolari: non è strano, né minore rispetto ad altre problematiche. Essendo il membro un insieme di nervi e tessuti, le cause possono essere anche riguardare mal funzionamenti di arterie e vene. 
  • Patologie croniche: si può evitare di fare discorsi troppo lunghi pensando al Diabete o all'insufficienza renale, quindi anche altre malattie che vanno a danneggiare i reni sono causa di disfunzione erettile. Questo è il motivo per cui bisognerebbe limitare l'abuso di alcolici. 

Dunque, più che essere una malattia o una causa di alcuni disturbi, l'impotenza è invece una conseguenza di danni che il nostro corpo subisce. Lo si capisce subito dalla lettura del precedente elenco, poiché l'origine di questo problema maschile può essere di qualsiasi natura. Questo è un valido motivo, dunque, per curare di più il proprio corpo. 

Non si possono usare psicofarmaci per superare la disfunzione erettile

 Questa può essere una domanda che nasce in modo spontaneo perché, se l'ansia e la depressione portano ad un cattivo funzionamento del membro per errore si può pensare che gli psicofarmaci dovrebbero portare alla soluzione. Invece non è così, poiché il funzionamento degli psicofarmaci è quello di combattere, appunto, ansia e depressione, malattie psicogene, non di migliorare le prestanze fisiche di un uomo. 
La disfunzione è causata anche da terapie farmacologiche, terapie ormonali e, soprattutto, gli antipertensivi. Questi ultimi hanno lo scopo di controllare la pressione arteriosa, colpendo così anche le parti intime di un uomo, a prescindere dalla sua età. 

I danni che causano fumo e alcolici 

Non dovrebbe neanche essere spiegato, perché è una cosa ovvia, ma è meglio puntualizzare. 

Già in precedenza è stato detto che l'alcolismo, procurando danni ai reni, può portare poi alla disfunzione erettile, però non è solo questo di cui è necessario parlare. 

Obesità, abuso di droghe, alcolici, ma soprattutto il fumo, possono comportare una grande quantità di danni. Non è neanche una novità che il numero di sigarette e gli anni passati ad alimentare questo vizio, in tutto il corpo, siano causa di un elenco illimitato di problemi, ma bisogna tenere conto che la grande maggioranza di chi soffre di disfunzione erettile, non per caso, è anche fumatore incallito. 

Possibili rimedi e cure per la disfunzione erettile 

Esistono una diversa quantità di medicinali farmaceutici e naturali che possono contribuire a questa cura. La cosa migliore da fare è, per quanto ovvio, quella di rivolgersi ad un bravo andrologo che possa prescrivere medicinali utili. Da stimolanti a molto altro, una figura come quella dell'andrologo (un medico specializzato nella salute maschile e dell'apparato riproduttore di quest'ultimo) è sicuramente quella che può più aiutare alla giusta soluzione. E non c'è alcun bisogno di preoccuparsi, i medicinali prescritti da un andrologo non hanno nulla a riguardo con psicofarmaci, prescritti da uno psichiatra. 

Dunque, non resta che calmarsi, capire con razionalità quale potrebbe essere l'origine dei problemi, rivolgersi a dottori capaci di intervenire con le giuste procedure e aspettare la fine del trattamento.